Ricerca:
Insieme contro la mafia

La Magistratura ha nell’applicazione delle leggi gli strumenti per operare, l’informazione nella capacità di inchiesta e di analisi, ma è la società civile che ha il dovere civico e morale di spezzare la catena di connivenze e di paure che imbriglia l’economia e la intossica.

L’appello del “magistrato più giovane d’Italia”, Sebastiano Ardita, che ha superato il concorso in magistratura nel ’91 quando in Sicilia si facevano le stragi di mafia, e che oggi è procuratore aggiunto al Tribunale di Catania, è forte e deciso. “Catania è una città che ha espresso livelli altissimi di valore morale – ha ricordato il magistrato durante l’incontro organizzato dal Rotary Club Catania – e da questa consapevolezza, con orgoglio, deve ripartire”.

Il magistrato, autore di numerosi libri-inchiesta, componente della Direzione Distrettuale Antimafia e Direttore Generale dell’Ufficio dei Detenuti, Consulente della Commissione parlamentare antimafia e coordinatore del pool di Pm del Tribunale di Catania per il “Codice Rosso” e per le fasce deboli, ha ripercorso la storia dello sviluppo della criminalità organizzata a Catania e si è soffermato sulle trasformazioni dell’organizzazione mafiosa negli ultimi decenni, che ormai non usa più le armi da fuoco per imporsi, ma gli strumenti più sofisticati dell’economia e della finanza, spesso intrecciando affari sporchi con attività legali in un mix che difficilmente si riesce a dipanare.

Le leggi talvolta inadeguate, i problemi della magistratura oberata di lavoro, i collaboratori di giustizia che non trovano più conveniente dare una mano alle indagini, la proliferazione delle attività utilizzate a “ripulire il denaro sporco” sono stati soltanto alcuni dei temi che hanno acceso il dibattito e animato le riflessioni tra il numeroso pubblico.

Gli interventi di Michele Cucuzza, socio del Club e direttore di “Antenna Sicilia”, e di Antonello Piraneo, direttore del quotidiano “La Sicilia”, hanno acceso i riflettori sulla “legge bavaglio” che vorrebbe sottoporre a procedimento disciplinare tutti quei magistrati che dovessero consegnare ai giornalisti anticipazioni sulle indagini. “Falcone e Borsellino oggi non potrebbero più spiegare cosa emergeva dalle dichiarazioni di Buscetta”, sintetizza con una immagine il magistrato.

Il dibattito si è arricchito grazie agli interventi di Francesco Milazzo, Antonio Signorello, Emanuele Rimini, Francesco Toscano e della presidente Maria Torrisi che ha ricordato gli anni delle prime indagini del magistrato catanese.

Rotary Day 2024

Anche quest’anno il Rotary Club Catania ha celebrato l’anniversario della nascita del primo Rotary Club, avvenuta a Chicago il 23 febbraio del 1905, grazie alla volontà del suo lungimirante fondatore Paul Harris.

Per ricordare l’evento, dal quale discendono 119 anni di impegno nel mondo a favore delle comunità locali e globali, in molti Comuni si espone la bandiera con la Ruota dentata e si coinvolgono i Sindaci nelle celebrazioni locali.

Il Rotary Club Catania, con una delegazione di suoi soci, è stato ricevuto dal Sindaco avv. Enrico Trantino, per un cordiale saluto, uno scambio di intenzioni sulle prospettive di collaborazione e per la tradizionale fotografia di gruppo insieme ai Club di area etnea.

La raffinata arte di comunicare

Una comunicazione efficace, coinvolgente, capace di produrre effetti sugli ascoltatori, non è una capacità innata, né si può improvvisare: occorre impegnarsi e studiare, leggere ed osservare, e soprattutto occorre esercitarsi molto, fare esperienza e non fermarsi nel processo di crescita personale e professionale. I segreti della buona comunicazione sono stati descritti e analizzati da un esperto di lungo corso, sia nel campo del giornalismo televisivo che dell’editoria: Michele Cucuzza, catanese di nascita, che dopo molti anni di lavoro in Rai come conduttore di tg e di trasmissioni di approfondimento giornalistico e di cronaca, è ritornato a Catania dove attualmente dirige la testata giornalistica di Antenna Sicilia.

Socio del Rotary Club Catania, Michele Cucuzza ha testimoniato – con esperienze, esempi e conoscenze professionali – quanto impegno debba essere profuso per evitare che la comunicazione risulti approssimativa o addirittura distorsiva. Prima di affrontare qualsiasi conversazione che non si vuole banale bisogna pensare alla scaletta degli argomenti e prima ancora bisogna scegliere un look e un atteggiamento posturale adeguato, bisogna conoscere i gusti e le aspettative dell’interlocutore, e soprattutto bisogna sapere esattamente qual è il messaggio che si vuole veicolare, sapendolo centrare con decisione.

Il relatore ha coinvolto l’uditorio, sfatando il mito dello strapotere dell’Intelligenza Artificiale, con un pratico esperimento in diretta con ChatGPT, ha parlato della necessaria e ormai rara concentrazione e dei rischi della banalizzazione della conversazione.

La serata si è arricchita con gli interventi dei soci Pippo Fichera, psichiatra forense, sulle derive patologiche del narcisismo, e di Giuseppe Failla, oncologo, che ha testimoniato le difficoltà professionali della classe medica che potrebbe rischiare di scivolare nell’eccessivo coinvolgimento emotivo col paziente.

La comunicazione ci sembra un’attività facile solo perché sappiamo articolare frasi, ma in realtà è un’arte tra le più raffinate.

Il “Battesimo” del sito internet

E’ stato presentato ufficialmente ai soci del Club il rinnovato sito web “www.rotarycatania.it”. Una veste grafica più intuitiva per una navigazione più semplice e veloce, tante finestre e soprattutto tante informazioni che permetteranno al club di mostrare all’esterno la propria attività e ai soci di avere sempre a disposizione l’intero repertorio delle notizie, delle fotografie e dei video realizzati nel corso dell’anno sociale. Tasti veloci permetteranno ai visitatori di collegarsi direttamente con la linea telefonica della segreteria, con la email del club e con i social, mentre è stata aggiornata anche la geolocalizzazione della sede su Google Maps per consentire anche agli ospiti occasionali di raggiungere facilmente la sede.

Artefice di questa novità è la presidente del Rotary Club Catania Maria Torrisi, che da giornalista professionista ha ritenuto indispensabile potenziare la comunicazione esterna del club. Il sito è stato realizzato tecnicamente dal creativo Vincenzo Cutuli, da anni apprezzato nel settore di competenza che, con professionalità e spirito di collaborazione, ha offerto il proprio contributo al club.

I soci hanno molto apprezzato il lavoro e il risultato che contribuirà certamente a rendere ancora più visibile all’esterno l’impegno del club e la vita dell’associazione.

Antichi canti siciliani rivivono grazie al R.C. Catania

Sarebbero andati perduti, confinati nelle pagine ingiallite di appunti sparsi e dimenticati, gli antichi canti popolari siciliani che la curiosità, l’amore e la determinazione del prof. Pippo Pappalardo, invece, hanno riportato in vita, grazie alla collaborazione del Rotary Club Catania che negli anni lo ha incoraggiato e sostenuto, aiutandolo a produrre nel 1984 una prima raccolta di canti antichi siciliani e nel 1996 una seconda raccolta dedicata alla canzone catanese tra Ottocento e Novecento.

Il suo “grazie” al Club, del quale è stato presidente nel ‘89-‘90 e socio dal ‘79, si è rivelato in realtà un nuovo dono per la coinvolgente e dotta conversazione del relatore e per il raffinato contributo musicale offerto dai cantori Giovanni Doro (voce e chitarra) e Maria Rapisarda (voce) interpreti di alcuni brani selezionati tra quelli rinvenuti e valorizzati da Pippo Pappalardo, tra cui “Mi lassasti in abbannunu” dalla raccolta Frontini, “Vitalora” dalla raccolta Favara, “A la Viddanisca” dalla raccolta Favara e “Quannu ni patu” di Riela.

“E’ stato grazie ad una conversazione, durante una conviviale con i soci del club, ormai 28 anni fa, che nacque l’idea di pubblicare il primo disco – ha ricordato con inossidabile riconoscenza Pippo Pappalardo – perché allora era facile trovare soluzioni tra di noi. Inoltre il nostro Club è stato sempre sensibile alle tematiche relative alla cultura e ai costumi siciliani – ha ricordato Pappalardo – ad esempio il noto biografo di Bellini, Francesco Pastura, è stato uno dei nostri soci fino al 1968”.

Il prof. Pippo Pappalardo si è soffermato sulla natura modale dei canti più antichi e poi su alcune caratteristiche di quelli dell’Ottocento catanese e il confronto tra le due espressioni musicali ha particolarmente attirato l’interesse del folto pubblico presente.

“Antichi canti di Sicilia” (editore Folk Studio – Roma) è una rigorosa testimonianza filologica e musicale di prodotti culturali popolari ormai dimenticati. “Questo disco – è stato il commento dei critici che hanno salutato subito con favore l’iniziativa – permette alle nuove generazioni l’ascolto di suoni e voci arcaiche, testimonianze fondamentali di una cultura antica”.

Al presidente decano del club, accademico insigne, la presidente del Club Maria Torrisi a nome di tutti i soci, ha consegnato una speciale targa ricordo. Mentre una seconda targa, anch’essa consegnata a sorpresa, è stata consegnata al socio più anziano, Egidio Fortuna, iscritto nel 1977.

Il Rotary Club ha celebrato così, in maniera sobria e familiare, la propria storia associativa, dimostrando riconoscenza e gratitudine ai testimoni delle proprie radici.

Salute infantile, progetto di educazione alimentare

Il progetto di educazione al consumo del pesce azzurro in età pediatrica, indicato dal Governatore Vaccaro tra gli obiettivi del proprio anno, è stato accolto subito con interesse dal Rotary Club Catania e, grazie alla collaborazione dei pediatri del territorio, dei cuochi della provincia etnea e con il supporto scientifico naturalistico dell’Area Marina Protetta Isole Ciclopi, è stata realizzata una rete di intervento che ha come destinatari i bambini, le scuole e le famiglie.

Il Rotary Club Catania ha ideato un manifesto attraente e colorato, che verrà distribuito ai pediatri e alle scuole, e che rimanda, attraverso la lettura di un QR Code, ad una pagina dedicata del sito del Rotary Catania che offre vari contenuti informativi: ricette di cucina facili e gustose, notizie sulla stagionalità dei pesci e sulle loro abitudini di vita, importanti informazioni sulle caratteristiche e sul valore nutrizionale di ciascuna specie ittica.

“La salute dei bambini è molto più che la cura di una febbre o di una tosse – ha detto il dottor Filippo Di Foti, segretario provinciale della Fimp (Federazione italiana medici pediatri) ai colleghi pediatri, durante la presentazione del progetto rotariano – perché per i pediatri la missione è curare il benessere del bambino, anche attraverso un intervento mirato sulle famiglie e sulle scuole. L’interesse dei pediatri è la crescita armonica e lo sviluppo del bambino, dall’età neonatale fino a quella puberale. Aiutare i genitori a scegliere per i figli un’alimentazione corretta è uno dei nostri compiti”.

La presidente del Rotary Club Catania Maria Torrisi e il vicepresidente Nello Catalano hanno coinvolto i pediatri invitandoli ad esporre il manifesto nelle sale d’attesa dei loro ambulatori e li hanno sollecitati a partecipare agli incontri programmati nelle scuole, mentre il presidente dei cuochi etnei Angelo Scuderi ha offerto la disponibilità dei cuochi associati a collaborare con le attività didattiche e dimostrative.

Grani antichi e calici di vino

Le preziose varietà dei grani antichi siciliani, riscoperte e valorizzate solo negli ultimi anni, sono una risorsa pregiata per la nostra salute e favoriscono anche il benessere dell’ambiente, mantenendo elevati i valori della biodiversità in natura.

Ne ha parlato il prof. Paolo Guarnaccia – docente al Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie dell’Università di Catania – ad un pubblico affascinato ed attento, durante un incontro in interclub con il Rotary Club Catania Etna Centenario.

Dal “Margherito” al “Senatore Cappelli” sono più di 50 i grani antichi salvati in Sicilia dall’estinzione causata, negli anni ’70, dalla “rivoluzione verde” che ha favorito la produzione delle sole poche varietà che rendevano economicamente di più.

“Occorre sensibilizzare il consumatore”, ha avvertito il prof. Guarnaccia “per renderlo consapevole dell’importanza dell’alimentazione sana, varia e genuina”.

Milena Curto ha illustrato le caratteristiche della produzione viticola della Sicilia Sud orientale, dove il “Nero d’Avola” è protagonista con i suoi forti profumi derivanti dalle temperature secche e asciutte e dalla prossimità con il mare.

La tombola della solidarietà

Una gara di generosità ha coinvolto la città di Catania: i commercianti e gli imprenditori che hanno condiviso gli obiettivi del club, hanno donato un pensiero per arricchire il montepremi della tradizionale tombola di Capodanno del Club.

Il risultato è stato una serata divertente, ricca e coinvolgente che ha consentito di raccogliere i fondi per sostenere alcuni progetti già avviati negli anni passati e in più ha regalato ai soci, agli amici e alle famiglie momenti di piacevole convivialità.

Tantissimi premi sono andati anche ai ragazzi dell’Interact che hanno partecipato con entusiasmo al gioco che da sempre riunisce le famiglie intorno al tavolo nel periodo natalizio.

Tutti si sono sentiti “bambini per una sera” e la Tombola ha dimostrato la sua capacità di saper coinvolgere tutte le fasce d’età.

Il ricavato della vendita delle cartelle sarà destinato dal Club ai progetti “Musica Insieme a Librino” e “La lettura rende liberi”.

Scambio degli auguri di Natale

Una riflessione sul significato profondo e religioso del Natale insieme con padre Carmelo Asero, presidente del Tribunale Diocesano di Catania; l’incontro con una famiglia di soci canadesi che, diversi decenni fa, aveva partecipato ad uno “Scambio Giovani” con una famiglia di soci del Rotary Club Catania; una nuova socia che ha fatto ingresso nel Club; la musica dal vivo di un sax vibrante e la voce avvolgente di una giovane socia, incantevole vocalist. E poi anche un ambiente caldo e raffinato, affacciato sul quieto porticciolo di Ognina; le luci colorate delle feste e un grande abete elegantemente addobbato: questa la formula vincente dell’edizione 2023 della serata degli auguri del Club.