Ricerca:
Interact a lezione salvavita

Sapere e saper agire, questa la formula del corso rivolto ai ragazzi che il Governatore Goffredo Vaccaro ha indirizzato a tutti i Rotaract Club del Distretto e che i piccoli soci del Rotaract Club Catania hanno frequentato con interesse insieme alla delegata Interact Maria Grazia Turco e alla presidente Incoming Laura Bonaccorso.

Grazie alle chiare spiegazioni del cardiologo dott. Giuseppe Scaccianoce, rotariano responsabile del progetto distrettuale, i ragazzi hanno appreso le nozioni basilari del primo soccorso, della rianimazione cardiopolmonare e hanno imparato la sequenza delle azioni necessarie nel caso di estrema necessità. Ciò che però li ha resi maggiormente partecipi è stata l’opportunità di sperimentare in maniera diretta le nozioni apprese, avvalendosi di speciali manichini in lattice, studiati per abilitare alla pratica salvavita. Ne hanno “provati” tre: un manichino che riproduce le forme di un adulto, un secondo manichino che ha la struttura di un adolescente e un ultimo piccolo manichino che invece riproduce le dimensioni e l’aspetto di un neonato.

“Il corso di formazione indirizzato ai ragazzi – ha spiegato il dott. Giuseppe Scaccianoce – serve non solo ad avvicinare i giovani, ma anche indirettamente ad incoraggiare gli adulti a rendersi disponibili ad operare, ovviamente dopo aver frequentato con successo un’attività di preparazione mirata. Soprattutto un corso completo come quello proposto questa volta, che unisce nozioni di primo soccorso a quelle sull’uso del defibrillatore”.

I giovanissimi allievi sono stati attirati dalla responsabilità della quale sono stati investiti e si sono detti grati per aver ottenuto a fine giornata un attestato di partecipazione, sapendo bene che prima dei 16 anni non è possibile essere abilitati ad intervenire.

In scena per una nobile causa

Nella vita sono avvocati, farmacisti, medici o anche docenti universitari, ma per contribuire ai progetti della Rotary Foundation nel mondo – come portare acqua in Africa, prevenire e curare malattie, promuovere la pace o tutelare l’ambiente, ad esempio – hanno deciso di mettersi in gioco, offrire il proprio tempo libero ed imparare a fare gli attori. Per mesi si sono preparati, sotto la guida attenta di Cettina Scuderi Failla, e alla fine hanno offerto al pubblico una serata davvero speciale.

Il testo scelto e rimaneggiato da Guseppe Failla, “L’incidente” di Luigi Lunari, è una commedia brillante in due atti che denuncia i vizi di una società degli anni Sessanta ambigua e perbenista, e gli attori – 13 soci del Rotary Club Catania – hanno reso perfettamente l’atmosfera, calandosi in ruoli anche molto impegnativi, ma con imprevista disinvoltura.

Il pubblico che ha riempito interamente platea e galleria ha riso, applaudito e si è fatto trasportare dalle musiche, dai canti e dai balli che hanno reso ancora più brioso lo spettacolo.

La regista ha rivelato che, nei mesi delle prove, ci sono state grandi trasformazioni. “Nessuno di loro è un attore professionista – ha dichiarato alla fine dello spettacolo – ma molti hanno la passione e la vocazione del teatro e altri invece ci hanno sorpresi per la loro grande capacità di abbracciare la nuova sfida”.

Il progetto teatro è nato sulla scia del successo dello scorso anno, quando un gruppo di soci del Club ha messo in scena una breve opera scritta da Giuseppe Failla, “A Criaziuni.

“Un’apposita Commissione è stata costituita già all’inizio dell’anno sociale – ha ricordato la presidente Maria Torrisi – e sin da subito ha iniziato a lavorare, coinvolgendo un numero crescente di aspiranti attori, tanto che è stato necessario per i coniugi Failla modificare il testo originario e prevedere un numero maggiore di personaggi e interpreti. Per noi è un grande successo, col doppio risultato della crescita dell’affiatamento tra i soci e della maggiore contribuzione del Club alla Rotary Foundation”.

Si è complimentato per l’iniziativa e il suo importante successo il presidente della Commissione distrettuale Rotary Foundation Salvo Sarpietro, ospite in sala con i Pdg Attilio Bruno e Nando Testoni Blasco, oltre che con l’Assistente del Governatore, Polletta Pennisi.

Gli applausi e l’omaggio floreale a tutti hanno ripagato la stanchezza e la fatica della compagnia teatrale, composta da Valeria Aranzulla, Laura Bonaccorso, Marilena De Gaetani, Giuseppe Failla, Antonella Fiorino, Tiziana Foti, Giovanni Longo, Francesco Milazzo, Fernanda Paternò Castello, Mariella Piccione, Renato Serrano, Antonio Signorello e Maria Tarascone.

Backstage de “L’incidente”

Dietro le quinte di un teatro si muovono emozioni diverse rispetto a quelle che gli attori successivamente, a sipario aperto, faranno vivere agli spettatori seduti in sala: sono le emozioni, le paure, le ansie e le trepidazioni degli interpreti.

Nei camerini i vestiti di scena da indossare, il trucco da perfezionare, l’ultimo sguardo ai copioni, e – al di là del sipario – il brusio del pubblico in attesa che si spengano le luci, gli ultimi spettatori che prendono posto, i saluti e gli incontri degli amici e una domanda che aleggia: come sarà lo spettacolo? Si riderà davvero?

In questi istanti lunghissimi solo il sorriso e l’ironia dei più forti (o dei più folli?) può spezzare il giogo della tensione. E l’effetto è sorprendente. Come in questo video che mette insieme le immagini rubate nei minuti che precedono lo spettacolo.