Lettera del DG Gaetano Lo Cicero, aprile 2013


Lettera del DG Gaetano Lo Cicero, aprile 2013

Cari amici,

 

Aprile è il mese della rivista rotariana e sarei curioso di conoscere il vostro pensiero su quest'argomento. C'è chi sostiene che le riviste sono troppe e soprattutto troppo costose: la rivista nazionale "Rotary", il bollettino distrettuale, le riviste locali edite da molti club.

C'è chi sostiene che la rivista è ormai un mezzo obsoleto e costoso e che occorre passare dalla carta stampata alla diffusione informatica. Ma soprattutto c'è chi non legge nessuna di queste forme di comunicazione per "mancanza di tempo" o perché "dicono sempre le stesse cose".

Cari amici, se volete conoscere cosa fa il Rotary di buono nel mondo, se volete all'interno della nostra associazione fare un salto di qualità e apprezzare le caratteristiche d'internazionalità, allora sfruttate i mezzi di comunicazione di cui il Rotary dispone, visitate il sito web del R.I. ed anche quello del nostro distretto. Leggete le nostre riviste e le nostre news, partecipate alle riunioni distrettuali e a quelle internazionali come la convention di Lisbona.

Respirerete un'aria assolutamente diversa da quella che si respira nei club. Se poi per voi l'attività nel club è sufficiente, beh…. lasciate che ve lo dica, vi state perdendo la parte migliore del Rotary. Per vivere la vita sociale della vostra città un qualsiasi circolo locale va bene, ma se voi siete iscritti a un'associazione internazionale, sfruttatene in pieno le possibilità che sicuramente vi arricchiranno sia come conoscenze sia per i rapporti umani e i collegamenti che sarete capaci di attivare.

Soprattutto voi Presidenti, dalla rivista e dal sito, avete la possibilità di trarre idee per le vostre attività, spunti per i vostri discorsi, notizie su come sta cambiando il Rotary e sullo stato dei progetti internazionali come le borse di studio o la lotta contro la polio.

Chi di voi ha letto ad esempio sull'ultimo numero di "Rotary" l'articolo che suggerisce come presentare all'esterno la nostra campagna contro la polio?

O come organizzare eventi per la raccolta fondi?

Ricordo che in un vecchio numero della rivista erano elencati gli artisti contemporanei che erano stati colpiti dalla polio nella loro infanzia: i compositori Joni Mitchell e Neil Young, il violinista Itzhak Perlman, i sassofonisti David Sanborn e Cockney Rebel, i cantanti Steve Harley e Ian Dury, il cantante pop Donovan e tanti altri idoli della musica. A parte le loro storie personali descritte nell'articolo, quel che mi ha colpito è stato soprattutto il titolo: " I sopravvissuti alla polio ".

Questo e tanto altro ancora troverete sulla nostra rivista e sul sito. Spero di avervi convinto, anziché archiviare subito il plico senza nemmeno toglierlo dall'involucro che lo riveste, a dedicare qualche minuto del vostro tempo a sfogliare la rivista e il bollettino allegato a questo numero, leggere quell'articolo il cui titolo maggiormente vi colpisce, e dare così un senso alla spesa che facciamo stampando questa rivista.

Distretto 2110 - Sicilia e Malta
Gaetano Lo Cicero
Governatore 2012-2013